x

Il Tempio di Herta

valore

Il Tempio, valore artistico

Non lontano dalla Villa, sul presidio collinare vitivinicolo, si raggiunge il Mausoleo, oggi Tempio di Herta, circondato da un parco ricavato da un preciso disegno scenografico che prende il nome di “Paradiso Terrestre” il quale ha ospitato opere scultoree di Arturo Martini come “Adamo ed Eva” e “Il leone di Monterosso” che sovrastava l’ingresso del Tempio.
Il Tempio è il singolare risultato di un progetto ambizioso; maestosa e incombente, la costruzione a pianta circolare tutta in marmo di Candoglia, supera i 20 metri di altezza e i 18 di diametro. Il Portale di bronzo, nichel e rame inciso, alto 5 metri e del peso di più di 2 tonnellate, è la monumentale opera dei Maestri Ernesto e Mario Ferrari realizzato in sei anni per lavorazione artistica e meccanica, custodisce alsuo interno gli affreschi di Ferruccio Ferrazzi e ai mosaici disegnati dallo stesso pittore e realizzati della scuola musiva di Ravenna e del Vaticano.
Le caratteristiche morfologiche e i materiali usati vanno ben oltre il lusso e sono assolutamente fuori dal consueto.
Il Tempio rappresenta per la Villa una meta di grandissimo valore storico-artistico.

herta